Chi sono

Gianguido Mussomeli, nato a Belluno.

Laureato in Lettere Moderne all’ Università degli Studi di Venezia nel 1983, discutendo una tesi sul teatro di Verdi, ha iniziato a occuparsi di divulgazione musicale al tempo della nascita delle prime radio libere.

Dal 1982 al 1996 critico musicale dei quotidiani “La Tribuna di Treviso”, “Il Mattino di Padova” e “La Nuova Venezia”.

Dal 1991 al 2001 critico musicale della rivista “Opéra International” di Parigi.

Ha collaborato, come conferenziere e redattore di programmi di sala, con alcune tra le principali istituzioni musicali italiane come Asolo Musica, l’ Ente Arena di Verona, il Teatro La Fenice di Venezia, il Teatro Verdi di Trieste e il Festival della Valle d’ Itria di Martina Franca.

È stato fondatore e membro del comitato di redazione della rivista musicologica “Diastema”. Ha contribuito alla nascita del Festival Organistico Internazionale “Città di Treviso”, come membro del consiglio direttivo.

Ha realizzato programmi radiofonici di musica classica e operistica per la RAI di Trieste e Radio TV Koper Capodistria.

Ha svolto un’ intensa attività di conferenze e corsi di divulgazione musicale collaborando con istituzioni pubbliche e private, nelle province di Treviso e Venezia.

Dal 2002 risiede in Germania, nei dintorni di Stoccarda, dove prosegue la sua attività di giornalista freelance e blogger accreditato presso le principali istituzioni concertistiche e teatrali tedesche.

Avviso a ipercritici, pedanti e fans

Questo è il mio blog, è uno spazio gratuito e ci scrivo quando mi pare, come mi pare, se mi pare. Se non ti piace, c’ è la X in alto a destra. O puoi scrivere di meglio tu.

Nel frattempo, siccome io per scrivere un pezzo impiego tempo e lavoro mentre tu lo clicchi senza pagare un centesimo, forse è il caso di tacere.

 

60 pensieri su “Chi sono

  1. Sei una mia vecchia conoscenza tafanesca, io sono un appassionato di musica classica e mi ha fatto piacere scoprire che gestivi un blog così bello e completo.

    "Mi piace"

  2. è stato un piacere scoprirti su facebook… dopodichè con una semplice ricerca su google ho trovato questo tuo blog, che è fantastico. Vista la tua preparazione e conoscenza profonda dell’opera, non smetterò di seguirti 🙂

    "Mi piace"

  3. Davvero complimenti, anche da parte mia, per il bellissimo sito. Sempre rivelatorio, sempre illuminante, scritto magistralmente e bellissimo da vedere. Hut ab!

    "Mi piace"

  4. ciao gianguido…
    volevo ringraziarti per il ‘like’ riguardo all’articolo su farina – mi è costato un ‘ban’ su ok.notizie, che bigotti… –

    un abbraccio ed a presto

    p.s.
    comunque, wolfie rimane il mio preferito…

    "Mi piace"

  5. Gent.mo,
    vorrei poterLa contattare tramite mail per poterLe inviare alcuni aggiornamenti sugli eventi e le uscite discografiche relative alla musica classica, e inviarLe inoltre gli inviti alle nostre serate.
    Grazie
    Cordiali Saluti

    "Mi piace"

  6. Caro Gianguido, Bello davvero questo sito, dopo tanti bruttissimi siti, questo sito è portavoce di un nobile pensiero umano che si esprime con l’arte della musica, Complimenti sinceri, Grazie Gianguido. Un forte abbraccio.
    Giorgio

    "Mi piace"

  7. Gentilissimo Gianguido, innanzitutto complimenti per questo bellissimo e ricco blog! Seguo sempre tutti gli articoli che pubblica e li trovo ogni volta di grande interesse. La sua passione per la musica classica è coinvolgente anche per chi, come me, è alle prime in questo campo… Volevo segnalarle un’occasione di un’opera che non danno spesso così e penso le piacerà. Il Trovatore di G. Verdi, in Edizione Critica, a Basel (CH). Grazie ancora molto per i bellissimi commenti che posta, così approfonditi e gradevolissimi da leggere. Una ricchezza ogni volta che affina il gusto per la musica. Grazie!

    "Mi piace"

  8. Complimenti per il Suo Blog veramente interessante.Sono veramente felice di averlo conosciuto.
    Mi piacerebbe farLe ascoltare un disco che ho inciso un anno fà con i colleghi dell’Orchestra Internazionale d’Italia.Si tratta dei quintetti di Mozart e Beethoven per pianoforte e fiati. Se fosse cosi cortese dall’inviarmi (in modo privato,si intende e sempre se lo ritiene opportuno ) il Suo indirizzo sarei onorato di farLe avere una copia del disco e Le sarei grato se volesse ascoltarlo ed avere una Sua opinione a riguardo.
    Con stima
    Massimo Data

    "Mi piace"

  9. Che autobiografia! Croce e delizia dell’essere pubblico e letto da molti, compresi gli invidiosi?
    Spero nessuna animosità contro una lingua sciolta e una voce onesta, quanto competente.

    "Mi piace"

  10. Gentile Gianguido, sono felice di aver letto la sua critica su Traviata 2013 alla Scala, perchè l’ho trovata veritiera, scritta da una persona competente e che ha un grande coraggio nel dire finalmente le cose come stanno.
    Io sono già stato primo ballerino al Teatro alla Scala e avendo vissuto 35 anni nel teatro ho visto con i miei occhi ed esternato con la mia voce cose che ho avuto il piacere di leggere nelle sue parole.
    Ancora grazie e Buone Feste,
    Michele Villanova

    "Mi piace"

  11. Trovo bellissimo il pezzo su Jon Vickers e condivido proprio tutto.
    Ho recentemente confrontato il finale del Parsifal di Kaufmann ( Metropolitan) con quello del tenore canadese (purtroppo il video è scadente), tutti e due presenti sul web: Kaufmann ha una bella voce, ed è CARINO, ma l’interpretazione di Vickers è molto più commovente ed emozionante.

    "Mi piace"

  12. Buongiorno signor Mussomeli,
    è un piacere scoprire il suo blog; ho letto il suo commento di questa mattina al blog di Bracconi (Repubblica) e la mia curiosità è stata ripagata. Abito anche io in Germania, sono pienamente d’accordo su quanto ha scritto anche al di fuori del suo blog e amo la musica classica. La seguirò ben volentieri.
    Einen schönen Tag wünsche ich Ihnen

    "Mi piace"

  13. Più che un sito, un patrimonio nazionale.. in un Paese dove la musica si insegna poco e spesso male (lo dico da violinista mancata che a suo tempo non terminò il conservatorio), direi che lei sta compiendo un atto rivoluzionario e anche un po’ eroico. Le sono sinceramente grata.

    "Mi piace"

  14. Caro Gianluigi, complimenti per ile tue attività.

    In considerazione dei tuoi interessi culturali, vorrei comunicare a te e a tutta la comunità di lettori che ti seguono che, insieme a un’associazione culturale, abbiamo promosso una PETIZIONE PER DIFENDERE L’INSEGNAMENTO DEL LATINO E DELLA FILOSOFIA, due pilastri della tradizione culturale italiana e della nostra istruzione che tuttavia rischiano di essere gravemente minacciate da improvvide riforme.

    Confidando nella tua sensibilità a questo tema, ti chiederei di sottoscrivere la nostra petizione e di contribuire attivamente a diffonderla.

    Puoi leggere il testo e firmare a questo indirizzo, bastano pochi secondi:

    http://www.change.org/p/matteo-renzi-prof-ssa-stefania-giannini-restituire-forza-e-preminenza-all-insegnamento-del-latino-e-della-filosofia-3

    Spero in una tua adesione. Grazie in anticipo e, ancora, compimenti.

    Donato Gagliastro

    "Mi piace"

  15. Lieben Dank für den Besuch auf meiner Seite.
    Und so bin ich zu dieser wundervollen Seite gekommen, um super schöne Fotos vom Stuttgarter Kulturleben zu bewundern. Mein großer Traum ist es, solche Fotos von Aufführungen, Konzerten usw. zu machen. Aber leider habe ich die Gelegenheit nciht dazu, denn es ist ja nicht überall gestattet.

    Liebe Grüsse Laura

    "Mi piace"

  16. Salve. Vorrei chiederle se posso fare la traduzione al portoghese del saggio “Antonio Carlos Gomes, musicista tra Scapigliatura e Verismo” e pubblicarlo sulla mia pagina.
    Complimenti per il blog.

    "Mi piace"

  17. Ciao Gianguido, sto ascoltando Lucia di Lammermoor nelle edizione della Bayerusche Oper
    https://operlive.de/lucia-di-lammermoor/
    e volevo chiederti se l’avevi vista poiché sto soffrendo per due motivi: a) la conduzione di Kirill Peterenko con tempi di inaudita lentezza che mi paiono solo dettati dalla voglia di agevolare il canto nelle arie e nei duetti anche se debbo dare atto della maestria direttoriale.
    b) Damrau. Non la sopporto perché si agita continuamente (evidentemente il regista/ i registi lo consentiranno) si smania oltre ogni modo. Mi deprime a tal punto che non riesco a seguirla dal punto di vista vocale, Insomma enfatizza sempre la parte così come lo è stato in Romeo et Juliette alla Scala che ho visto di recente.
    Quanto alle regie tedesche di questo teatro hai già detto bene in altro commento. La partecipazioni anche di fanciulli la trovo eccessiva come anche le scene in Rigoletto con interprete Kaufmann come Duca di Mantova. Quel timbro baritonaleggiante stride con ciò che si vorrebbe ascoltare da una voce tenorile. Patetico nell’introduzione all’aria „Ah sì ben mio“ „Il presagio funesto“ con una mezzavoce di una lentezza spasmodica mai sentita prima. Che orrore.
    Concludo sperando di non averti disturbato. Ti ringrazio anticipatamente se ritiene di dedicarmi un momento di attenzione.

    "Mi piace"

      • Intanto grazie Gianguido della pronta risposta e, dopo aver letto la tua recensione, come si fa a non essere d’accordo al 101%. Non mi ero soffermato sugli altri cantanti e sulla regia ma tu hai completato quello di cui pensavo. Mi chiedo se i tedeschi di Baviera hanno qualche capacità musicale delle opere italiane. Penso proprio di no. Di Kaufmann abbiamo già detto tutto, penso, con rigore filologico. Non ci siamo. Ma come successe per Callas vs Tebaldi, i giornali debbono pur parlare per vendere. E che dire di quelle scene di nudo, ormai di casa a Monaco, che distolgono dalla attenzione dello spettatore contribuendo a sviare dall’argomento.
        Vorrei sottoporre alla tua attenzione ed analisi anche l’aria della pazzia in Lucia https://operlive.de/lucia-di-lammermoor/ a partire dal minuto 1:53. Non ho mai ascoltato, in decenni di operistica, cantare questo brano, a parte l’umpugnare di una pistola da parte dell’interprete (orrenda anche qui la regia), avendo come termine un falsetto quando tutte le interpreti, secondo la partitura, danno sfoggio della loro bravura con picchi e sovracuto finale. Invece la mentecatta, così si deve dire in questo caso supportata dal direttore d’orchestra, stravolge la partitura e se la canta a suo uso e consumo. Povera Damrau, se non sei in grado di cantare un’opera simile, fatti da parte e canta quello che le tue corde vocali consentono. Quanto alla gestualità ho già detto, E‘ ributtante, sempre con atteggiamenti e movimenti oltre le righe. Insomma inascoltabile e invedibile.
        In questo momento sospeso, debbo dare atto alla Wiener Staatsoper di aver spedito ai loro iscritti un contributo per vedere lacune produzioni del loro repertorio senza chiedere un cent. In questo momento stanno restituendo l’importo corrispondente a oltre 122.000 biglietti, relative recite annullate, a tutti gli acquirenti senza alcuna condizione. Invece a Monaco chiedono agli spettatori, se d’accordo, la possibilità di trattenere l’importo della recita come contributo. Che meschinità per un Land fra i più ricchi della Germania! Io invece a fine video di quelli proposti dalla Wiener Staatsoper farò una spontanea donazione ringraziando del contributo da loro offerto.

        "Mi piace"

Rispondi a paolo aquino Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.