Forum am Schlosspark – Lise de la Salle

de la salle
Foto ©Peter Wiegel

La tormentata stagione 2020/21 del Forum am Schlosspark di Ludwigsburg si avvia alla conclusione. Come penultimo appuntamento, era in programma il recital di Lise de la Salle, trentatreenne pianista nata a Cherbourg da una famiglia di illustri tradizioni musicali e pittoriche (la trisavola di sua madre era amica di Tschaikowsky e uno dei bisnonni era un gallerista che lavorava per Modigliani e Sotine) e uscita dalla scuola di Pierre Réach al Conservatoire national supérieur de musique et de danse de Paris. Lise de la Salle ha iniziato a incidere dischi in giovanissima età e le sue registrazioni da me ascoltate in passato dimostrano una costante maturazione interpretativa e hanno ricevuto ottime recensioni dalla stampa specializzata, confermate ulteriormente dall’ ottima accoglienza tributata al suo ultimo CD da poco uscito, che si intitola When do we dance ed è dedicato a un viaggio musicale altraverso i ritmi di danza di vari paesi.

Questa di Ludwigsburg era la seconda esibizione di Lise de la Salle da queste parti, dopo il concerto di qualche anno fa alla Liederhalle insieme alla RSO des SWR. Per questo recital solistico la giovane pianista francese ha scelto un programma dedicato a Liszt e a musiche di danza di autori spagnoli comprese nel suo CD da poco pubblicato. Alle prese con una serie di brani che richiedono, oltre alle doti virtuosistiche, anche la capacità di evidenziare la ricchezza della tavolozza timbrica concepita dall’ autore, Lise de la Salle ha superato la prova molto brillantemente. Il suo suono è ben definito, omogeneo, potente e ampio nelle dinamiche. La tecnica è sicuramente quella di una virtuosa completa, sia nell’ attacco del tasto che nella chiarezza e definizione dei passi di agilità. L’ interprete è dotata di personalità e temperamento, oltre che di senso della forma e lucidità espositiva.

Nelle musiche di Liszt, la virtuosa di Cherbourg ha evidenziato una capacità davvero notevole di dominare i passi tecnicamente più ardui come i numerosissimi passaggi di ottave da eseguire di forza nella Sonata in si minore. La concezione lisztiana di Lisa de la Salle è sicuramente quella dells scuola pianistica francese, molto attenta alle sfumature coloristiche, ma non per questo la ragazza francese trascura gli aspetti spettacolari di pagine come la Sonata e il Mephisto-Walzer N° 1 in cui la sua esecuzione risolveva con facilità e disinvoltura tutti i trabocchetti insidiosi e le difficoltà che rendono assai ardua la scrittura strumentale del compositore ungherese. Parlando di controllo delle sfumature, qualità del suono e spontaneità di fraseggio si capiva molto bene come Lise de la Salle si trovasse a suo agio con questa musica e dominasse le difficoltà della scrittura, che in questi brani sono tra le più complesse di tutta la letteratura pianistica, in maniera molto sicura e consapevole. Molto notevoli e stilisticamente perfette sono apparse anche le letture dei Chants d’ Espagne di Isaac Albéniz e delle Danzas Argentinas op. 2 di Alberto Ginastera, per eleganza e vivacità di un fraseggio sempre mobilissimo nelle variazioni ritmiche e scrupoloso nel sottolineare gli accenti. Nel complesso, la giovane pianista francese ha dimostrato sicure e definite qualità di interprete, che ne fanno senza dubbio un’ artista da seguire con attenzione nei prossimi anni. Trionfo finale per Lise de la Salle, che come bis ha suonato un Notturno di Chopin,  dando una bellissima dimostrazione di tocco raffinato e capacità di sottolineare al meglio il trascolorare armonico della scrittura, per poi chiudere la serata con Tea for two nella versione di Art Tatum.

Pubblicato da

mozart2006

Teacher, freelance musical journalist and blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.