Karajan dirige la Quinta Sinfonia di Bruckner

csm_Karajan_30_12_1988_R_Friedrich_c7d59d3b31
Karajan durante l’ ultimo concerto alla Philharmonie Berlin. Foto ©Reinhard Friedrich

Herbert von Karajan è stato un sommo interprete bruckneriano. Dal 1944 al 1989 ha più volte registrato le grandi opere sinfoniche del compositore austriaco, soffermandosi in particolare sulle ultime tre Sinfonie, di ciascuna delle quali ci ha lasciato almeno tre versioni ufficiali. E fu con una esecuzione della Settima che si concluse la sua carriera concertistica, il 23 aprile 1989 a Vienna. Ascoltiamolo in questa fantastica esecuzione della Sinfonia N° 5 in si bemolle maggiore, sul podio dei Berliner Philharmoniker. Karajan amava moltissimo la Quinta Sinfonia di Bruckner e la diresse 32 volte nel corso della sua carriera. La eseguí per la prima volta ad Aachen, nel teatro dove da due anni era Generalmusikdirektor, il 15 aprile 1937, dopo aver litigato coi vertici locali del partito nazista che volevano ordinargli di toglierla dal programma, rispondendo: “È ancora lontano il giorno in cui i compositori della Hitlerjugend saranno in grado di creare opere di questa levatura”. Questa esecuzione, registrata il 12 novembre 1976 a Berlino, è il documento straordinario della più perfetta associazione mai esistita nella storia fra un direttore e un’ orchestra. Karajan sviscera ogni dettaglio della partitura con straordinaria lucidità e i Berliner lo seguono realizzando al millimetro le sue intenzioni. Ascoltate la perfetta, impressionante combinazione di accelerando e crescendo nelle battute iniziali e poi, al minuto 23’22”, la forza espressiva e il legato straordinario degli archi nell’ esposizione del tema di base dell’ Adagio, poi sviluppato con una cantabilità da strappare le lacrime in tutte le aperture melodiche che si susseguono una dopo l’ altra. Karajan qui ha un fraseggio così libero che l’ ultima riesposizione del primo tema sembra in tre quarti anziché in due. Effetto incredibile. In questa pagina, l’ interpretazione del Maestro tocca vertici mai raggiunti da nessuno. Furtwängler, Celibidache, Jochum, Wand, Knappertsbusch non arrivano neanche a sfiorare la potenza del fraseggio messa in mostra da Karajan e dalla sua orchestra in questa registrazione. Irraggiungibile!

Prestate poi attenzione alla splendida esposizione delle strutture della Fuga e allo straordinario, abbagliante splendore sonoro dei Berliner Philharmoniker nel Finale, ascoltando il quale si capisce una volta per tutte perché Hugo Wolf definiva Bruckner l’ ultimo compositore davvero capace di esultare. Una interpretazione pazzesca, sbalorditiva nel suo livello di perfezione, fra le due o tre massime che si conoscano di questo capolavoro. Aggiungo che il suono dei Berliner in questa e altre registrazioni dell’ epoca, qui percepibile abbastanza bene grazie alla buona qualità della registrazione, è qualcosa di unico e irripetibile. Io ricordo assai nitidamente il senso di stupore attonito che provai quando li ascoltai con Karajan per la prima volta dal vivo, nel 1983 a Salzburg. Probabilmente in tutto questo c’ entrava anche il livello, davvero stratosferico, degli strumentisti. Come io ho detto e scritto in più occasioni, anche oggi i Berliner sono una corona di gemme ma fatta di diamanti, rubini, smeraldi e zaffiri. Karajan in orchestra voleva avere solo diamanti.

Anton Bruckner

Sinfonia N°5 in si bemolle maggiore WAB 105

Adagio – Allegro

Adagio. Sehr langsam

Scherzo. Molto vivace (schnell) – Trio. Im gleichen Tempo

Finale. Adagio – Allegro moderato

Berliner Philharmoniker

Herbert von Karajan

Registrazione radiofonica in diretta, effettuata il 12 dicembre 1976 alla Berliner Philharmonie

 

Pubblicato da

mozart2006

Teacher, freelance musical journalist and blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.