Internationale Bachakademie Stuttgart – Bach Motetten

Foto ©Holger Schneider

Hans-Christoph Rademann ha concluso la sua sesta stagione da direttore della Bachakademie Stuttgart con l’ esecuzione dei Motetten, importantissime composizioni corali di Bach che il direttore sassone non aveva ancora affrontato nei suoi concerti qui a Stuttgart. I Motetten di Bach non costituiscono un ciclo unitario, ma furono composti in epoche diverse. Oggi conosciamo sette composizioni di questo tipo anche se gli studiosi bachiani a partire da Forkel, il primo biografo del Kantor, affermano che il compositore di Eisenach ne compose un numero maggiore. Nelle esecuzioni concertistiche si tende ad escludere, come è avvenuto anche in questa occasione, il Motette BWV 118, in quanto da molti musicologi è considerato una Kantate. La definizione di Motette appare per la prima volta intorno al XIII secolo, ma la struttura musicale delle composizioni di questo tipo è cambiata nel corso del tempo. Il Choralmotette protestante dell’ età di Bach si basa sull’ impiego delle melodie dei Corali e sul trattamento libero nell’ intonazione dei versi provenienti dai testi sacri. Bach compose questi brani per le funzioni ecclesiastiche o per occasioni ufficiali, come feste commemorative o servizi funebri: il Motette BWV 226, per esempio, fu sicuramente composto per la sepoltura del Thomasschuldirektor Johann Heinrich Ernesti. Le occasioni per le quali i rimanenti Motetten furono composti sono ancora oggetto di disputa accademica. Nel caso del BWV 225 sono state formulate almeno sei diverse teorie, che variano dal Capodanno a un servizio funebre. il Motette BWV 228 è stato sicuramente scritto per uso commemorativo, fatto che si può presumere anche nel caso dei Motetten BWV 227 e BWV 230.

Foto ©Holger Schneider

La raccolta dei Motetten è una tra quelle che hanno tramandato in maniera durevole la fama di Johann Sebastian Bach nel corso dei secoli. Il Thomanerchor della Thomaskireche di Leipzig, dove il musicista spese più di venticinque anni della sua vota come Kantor, li mantenne in repertorio anche dopo la scomparsa di Bach continuando a eseguirli in particolari festività. Wolfgang Amadeus Mozart fu profondamente commosso dall’ ascolto  del Motette Singet dem Herr ein neues Lied BWV 225 nel 1789 a Leipzig, tanto che dopo l’ esecuzione il musicista salisburghese domandò il permesso di vedere la partitura e procedette a copiare le parti. Questo brano potrebbe, in effetti, avere costituito la fonte di ispirazione per alcune delle grandi fughe che compaiono nelle opere dell’ ultima fase creativa di Mozart, per esempio l’ Adagio e Fuga K.546 oppure quelle che si trovano nel Requiem e nel movimento finale della Sinfonia Jupiter in do maggiore K. 551.

Hans-Chistoph Rademann ha scelto, per questo ultimo Akademiekonzert della stagione alla Liederhalle, l’ esecuzione con il coro accompagnato dalle parti strumentali, scritte da Bach come semplice sostegno del coro e spesso omesse dai direttori che preferiscono la versione a cappella. L’ esecuzione ci ha dimostrato una volta di più che il musicista sassone, da quando ha riorganizzato la Gaechinger Cantorey come complesso basato sui criteri storicamente informati e si trova così alla guida di un ensemble tramite il quale può realizzare pienamente le sue intuizioni musicali, mette in evidenza tutta la sua statura di interprete bachiano tra i maggiori della nostra epoca, per la profonda penetrazione interpretativa, la chiarezza della concertazione e la coerenza perfetta di un fraseggio calcolato nei minimi particolari. Quello di Rademann è un Bach vivo, vibrante ed espressivamente intenso senza mai perdere di vista la perfetta consapevolezza stilistica. Come sempre nelle esecuzioni bachiane del direttore sassone, eccezionale è stato il lavoro sull’ articolazione del testo. Nelle esecuzioni di Rademann alla guida della nuova Gaechinger Cantorey, uno degli aspetti più attraenti per l’ ascoltatore è proprio quello di poter capire con assoluta chiarezza tutti i minimi dettagli della parola cantata. Rademann sfrutta le possibilità offertegli dai suoi complessi per compiere un vero e proprio lavoro di cesello sulle sfumature testuali che vengono sbalzate con una chiarezza e una evidenza assolute. La commossa intensità espressiva che ne scaturisce non manca mai di lasciare una profonda impressione al pubblico, che anche in questo caso ha seguito tutto il concerto con una concentrazione assoluta e alla fine ha applaudito a lungo Rademann e tutti gli esecutori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.