Marlis Petersen e Stephan Matthias Ladenmann – “Dimensionen Welt”

Marlis Petersen, una cantante considerata fra le più prestigiose della scena lirica attuale, è nativa di Sindelfingen (città situata a una trentina di chilometri da Stuttgart in direzione Böblingen e famosa soprattutto per essere la sede dei più importanti impianti di produzione della Mercedes) ma stranamente non si era finora mai esibita alla Staatsoper Stuttgart nel corso della sua carriera. Gli appassionati di queste parti, tra i quali la Petersen conta su numerosi ammiratori, sono quindi accorsi numerosi al suo recital che costituiva la serata inaugurale della stagione liederistica, che la Staatsoper organizza come sempre in collaborazione con la Internationale Hugo-Wolf-Akademie. Il programma presentato dalla Petersen per questa Liederabend insieme al pianista viennese Stephan Matthias Lademann riproduceva quasi esattamente quello del loro ultimo CD pubblicato circa un anno fa per la SONY Classical, intitolato Dimensionen Welt ed era impaginato con grande intelligenza e raffinatezza di concezione. La scelta dei brani spaziava da Mozart e Beethoven fino agli autori della grande stagione liederistica romantica come Schubert, Schumann e Brahms per poi arrivare fino a Wagner, al musicista svedese Sigurd von Koch e ad Hans Sommer, compositore e matematico originario di Braunschweig vissuto tra il 1837 e il 1922 che fu allievo di Julius Otto Grimm e Adolf Bernhard Marx, divenne uno fra i primi entusiasti apologeti delle opere di Wagner, strinse rapporti di stretta amicizia con Richard Strauss e rimase per tutta la sua vita ancorato allo stile musicale postromantico. Le quattro parti in cui era suddivisa la successione dei brani rappresentavano quattro diverse prospettive dei rapporti fra l’ uomo e la natura, un tema fondamentale nelle concezioni artistiche e filosofiche del Romanticismo tedesco che in questo programma veniva illustrato in un ben calcolato alternarsi di momenti meditativi ed estasi liriche. Al programma contenuto nel CD questa serata aggiungeva la squisita Sehnsucht nach dem Fühling K. 596 di Mozart, incantevole melodia composta nel 1791 con il tema principale che ricorda insistentemente quello del Rondò del Concerto per piano in si bemolle maggiore K. 595, e l’ Abendlied unterm Gestirnten Himmel, poesia di Heinrich Goeble messa in musica nel 1820 da Beethoven in quello che fu uno fra i periodi più amari della sua vita per vicende personali e problemi di salute.

Foto ©IHWA/FB

Merlis Petersen è una cantante molto intelligente e dal temperamento interpretativo originale, che la rende in grado di esprimere tutte le sottigliezze di significato dei testi grazie anche a una musicalità notevole, a un senso dello stile sicuro e a una dizione molto rifinita e curata nei dettagli. La tecnica di emissione non è proprio di quelle irreprensibili soprattutto per quanto riguarda il passaggio dal settore centrale della voce a quello acuto, che spesso suona abbastanza fisso e “indietro”. Nelle tessiture tutto sommato abbastanza centrali di quasi tutti i brani del programma questo problema non si avvertiva più di tanto, grazie anche alle belle invenzioni di fraseggio che la cantante di Sindelfingen riesce ad esibire quando il suo strumento non è sotto sforzo a causa di una tessitura impegnativa. I problemi venivano fuori in modo evidente nell’ esecuzione di Stehe Still!, il secondo dei Wesendonck-Lieder di Wagner, dove la poca sostanza del medium e il settore acuto che nei passaggi di slancio suonava fuori proiezione impedivano una resa adeguata del brano. Bellissima, al contrario, la lettura del Lied mozartiano per la freschezza e sincerità dell’ accento. In tutto il resto del programma la Petersen ha messo in mostra una buona classe di liederista e un senso dello stile maturo, perfettamente assecondata dal pianismo elegante e raffinato di Stephan Matthias Lademann, che ha dimostrato assoluta sintonia di intenzioni interpretative con il canto. Successo vivissimo, con intensi applausi ripagati da Marlis Petersen con due fuori programma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.