Internationale Hugo-Wolf-Akademie – Diana Haller e André Morsch

Le serate concertistiche dedicate alla lirica vocale da camera costituiscono uno tra i punti imprescindibili delle stagioni musicali in Germania. Anche nella vita culturale di Stuttgart la liederistica occupa un posto di rilievo grazie alla presenza della Internationale Hugo-Wolf-Akademie, istituzione didattica e concertistica fondata nel 1967 dal compositore Hermann Reutter che richiamò in vita il progetto dell’ Hugo-Wolf-Verein la cui attività ebbe inizio nel 1898 per merito dell’ avvocato Hugo Faißt, amico intimo e sostenitore di Hugo Wolf. Il sodalizio organizza, oltre a masterclasses tenute dai massimi interpreti del Lied e all’ Internationale Wettbewerb für Liedkunst, anche una stagione concertistica nella quale si alternano cantanti di fama e giovani interpreti segnalatisi nei corsi. Da circa un anno la Hugo-Wolf-Akademie dedica una parte della sua programmazione al progetto Der Ganze Hugo Wolf, che prevede l’ esecuzione integrale dei circa trecento Lieder composti dal musicista a cui l’ istituzione è intitolata. Un’ iniziativa di grandissimo valore culturale per la divulgazione della musica di un autore ancora oggi non presente nei programmi concertistici in maniera adeguata alla sua importanza. Nella storia della letteratura liederistica, la produzione di Hugo Wolf si impone per la sua bruciante verità espressiva, derivata da una scrupolosa meditazione di tutte le atmosfere drammatiche dei testi. I Lieder del compositore austro-sloveno sono spesso autentici bozzetti teatrali e i caratteri tratteggiati dalla flessibilità della declamazione vocale richiedono interpreti dotati di grandi capacità analitiche nel fraseggio e attenzione nella sottolineatura dei particolari.

Un’ immagine delle prove. Foto ©Internationale Hugo-Wolf-Akademie/FB

Il ciclo Der ganze Hugo Wolf è articolato in serate i cui programmi sono impaginati dal pianista brasiliano Marcelo Amaral, allievo del celebre Helmut Deutsch e oggi considerato uno tra i musicisti più competenti nel repertorio liederistico, che dal 2010 ricopre il ruolo di consulente artistico della Hugo-Wolf-Akademie. La quinta serata del progetto, tenutasi nella Weisse Saal del Neues Schloss, presentava un programma dedicato in gran parte a Lieder su testi di Eduard Mörike e Wolfgang Goethe. Il concerto era introdotto e guidato dal Professor Helmut Wolf, germanista e musicologo che ha parlato in maniera analitica soprattutto della figura di Mörike, autore che nella produzione di Hugo Wolf occupa un posto di primo piano con 53 testi messi un musica. Protagonisti erano Diana Haller e André Morsch, due giovani cantanti entrambi in passato vincitori dell’ Internationale Wettbewerb für Liedkunst che in questi ultimi tempi si sono imposti all’ attenzione del pubblico di Stuttgart come due tra i talenti più interessanti nell’ ensemble della Staatsoper. Di Diana Haller ho avuto spesso occasione di parlare positivamente e ripeto anche in questa circostanza che la cantante fiumana ha tutte le carte in regola per aspirare a una posizione di primo piano nella vita musicale dei prossimi anni. Il mezzosoprano croato unisce a un’ abilità tecnica ragguardevole nell’ uso del suo strumento la capacità di creare ritratti e atmosfere espressive con un’ attenzione ai particolari del fraseggio che dimostra una personalità interpretativa non comune e notevolmente sviluppata soprattutto in rapporto alla sua giovane età. Lo splendido attacco in pianissimo di “Schlafendes Jesuskind”, il legato impeccabile messo in mostra in “Zum neuen Jahr” e l’ intensità con cui la Haller ha reso il tono di passionalità struggente in “Agnes”, “Ein Stündlein wohl vor  Tag” e “Die verlassene Mägdlein” sono stati tra gli aspetti migliori di una prova davvero da liederista di alta classe e completa nelle capacità evocative, come dimostrato dalla vivacità e dal tono fresco e pungente che la cantante è riuscita a trovare in “Sankt Nemopus Vorabend” e soprattutto negli ultimi due brani, “Die Zigeunerin” su testo di Eichendorff e “Das Köhlerweib ist Trunken” resi con una incantevole malizia umoristica e con agilità e trilli assolutamente impeccabili. Diana Haller si conferma sempre di più come una giovane artista davvero promettente, che nel repertorio liederistico potrebbe avere molte cose interessanti da dire nel prossimo futuro.

Foto ©Internationale Hugo-Wolf-Akademie/FB

Per quanto riguarda André Morsch, quarantunenne baritono originario di Kassel formatosi prima in Austria e poi ad Amsterdam, la serata ha confermato i costanti progressi che avevo notato in precedenti occasioni. La voce si è sviluppata e ha notevolmente guadagnato in morbidezza ed espansione, il fraseggio è basato su una musicalità e un gusto espressivo molto interessanti e l’ interprete è molto attento ai particolari e alla resa espressiva, centrando sempre il giusto tono nell’ evocazione delle atmosfere. Molto pregevole mi è sembrata la carica umoristica fine e mai esagerata con cui Morsch ha reso il tono di pomposità comica nel “Gesellenlied” su testo di Robert Reinick, un raffinato omaggio ai Meistersinger in cui Wolf utilizza citazioni wagneriane in maniera sottilmente ironica e gustosissima, così come il buon legato e la varietà di timbri e dinamiche messe in mostra da Morsch in brani come “Nun wandre, Maria” e i due Lieder dal ciclo “Peregrina” oltre all’ intensità espressiva messa in mostra in “Erster Verlust”, splendido testo goethiano messo in musica più volte e intonato da un Hugo Wolf ancora sedicenne in maniera incantevolmente ispirata. Marcelo Amaral ha reso la parte pianistica della serata con un gusto e una competenza davvero da musicista di classe superiore e il gioco reciproco di proposte e risposte timbriche e coloristiche tra le due voci e l’ accompagnamento strumentale costituiva uno degli aspetti più pregevoli in una serata di livello davvero notevole sotto tutti i punti di vista, salutata da lunghi applausi alla conclusione.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...