Neujahrskonzert 2017 della Staatsorchester Stuttgart

Foto: Philippe Ohl/Staatsorchester Stuttgart FB
Foto: Philippe Ohl/Staatsorchester Stuttgart FB

La Staatsorchester Stuttgart ha iniziato il 2017 con il tradizionale Neujahrskonzert, in omaggio a una tradizione seguita in tutto il mondo musicale di lingua tedesca. Infatti non tutti sanno che il Concerto di Capodanno dei Wiener Philharmoniker è solamente il più celebre tra una serie di analoghi appuntamenti che tutti i complessi sinfonici stabili attivi in Germania e in Austria offrono al loro pubblico la sera di San Silvestro e il primo giorno dell’ anno nuovo, che per i melomani di queste parti deve essere obbligatoriamente celebrato andando a teatro per ascoltare musica e scambiarsi gli auguri. La Staatsoper Stuttgart in questo senso non fa eccezione e negli ultimi anni ha affidato il tradizionale concerto di Capodanno a direttori che sono stati legati al teatro da particolari rapporti di collaborazione. Quest’ anno, la Staatsorchester Stuttgart ha invitato a dirigere Dennis Russell Davies, settantaduenne musicista americano nativo dell’ Ohio che dal 1980 al 1987 è stato Generalmusikdirektor della Staatsoper e successivamente, dal 1995 al 2006, Chefdirigent della Stuttgarter Kammerorchester con la quale ha realizzato, tra le altre cose, l’ integrale discografica delle Sinfonie di Haydn.

Mit Witz und Walzern (con scherzi e valzer) era il titolo del programma scelto dal direttore americano per il suo ritorno sul podio della Staatsorchester Stuttgart dopo trent’ anni. l’ omaggio al valzer era rappresentato dalla suite sinfonica del Rosenkavalier assemblata da Richard Strauss nel 1945, che Russell Davies ha diretto con tempi abbastanza rilassati in un’ evocazione di un’ atmosfera morbidamente melanconica, quasi a evocare con nostalgia uno zweighiano Welt von Gestern con timbri al pastello e dinamiche soffuse in un clima sonoro ben calibrato e decisamente ricco di fascino. Con un bel contrasto espressivo, il secondo brano in programma ci ha introdotto in un clima decisamente più umoristico e scherzoso. Si trattava del Concerto per trombone e orchestra op. 84 “Mixed Feeling” dell’ ottantunenne compositore viennese Kurt Schwertsik, in prima esecuzione tedesca. Il musicista austriaco, che ha iniziato la sua carriera come cornista della Tonkünstler-Orchester e poi nei Wiener Symphoniker, in seguito si è dedicato alla composizione dopo aver seguito corsi tenuti da Pierre Boulez, John Cage, Karlheinz Stockhausen e Mauricio Kagel, dopo una prima fase creativa dedicata a esperimenti di tecniche come il serialismo e l’ aleatorietà ha gradatamente proseguito la sua produzione nel segno di un ritorno alla musica tonale. Schwersik è anche un grande appassionato di teatro musicale e, tra le altre cose, proprio qui a Stuttgart nel 1983 ha presentato la prima esecuzione assoluta della sua opera  Märchen von Fanferlieschen Schönefüßchen che fu diretta proprio da Denniss Russel Davies. Il suo lavoro teatrale più recente è Mozart in Moskau, opera eseguita per la prima volta nel 2014 al Nationaltheater Mannheim. Il Concerto “Mixed feelings” è un brano basato su atmosfere espressive contrastanti, con una parte di trombone solista estrememente impagnativa dal punto di vista tecnico. Il trombonista americano Mike Svoboda, che in questa occasione suonava la parte solistica e l’ ha studiata direttamente con l’ autore, ha affermato che si tratta forse del concerto più difficile del repertorio moderno per lo strumento, insieme a quello di Michael Nyman. La sua esecuzione è stata davvero esemplare per la spettacolarità dei passaggi virtuosistici e la carica emotiva con cui lo strumentisza cresciuto a Chicago ha saputo rendere tutti gli aspetti espressivi della partitura. Al momento del fuori programma Mike Svoboda, con una trovata da consumato showman, ha eseguito un’ improvvisazione sonora utilizzando un lungo tubo metallico  e coinvolgendo il pubblico chiamato a parteciparvi con una serie di segnali in lingua giapponese. Una cosa davvero molto divertente e gustosa, alla quale gli spettatori hanno preso parte con slancio.

La seconda parte del programma iniziava con un omaggio ad Hans Werner Henze, autore con cui Russell Davies ha collaborato per lungo tempo dirigendo, tra le altre cose, la prima esecuzione assoluta della sua opera König Hirsch nel 1985. Il brano era l’ ultimo composto dal maestro, l’ Ouverture zu einem Theater composta nel 2012 per il centenario della Deutsche Oper Berlin ed eseguita per la prima volta circa tre mesi dopo la morte dell’ autore. Russell Davies ha diretto in modo esemplare questa partitura per grande organico e ricca di passaggi orchestrali molto complessi, realizzati in maniera impeccabile da una Staatsorchester apparsa in eccellenti condizioni di forma. Il direttore americano ha poi concluso la serata con la Sinfonia N° 86 in re maggiore di Haydn, autore del quale oggi è accreditato tra gli interpreti più autorevoli. La sua integrale sinfonica haydniana realizzata per la SONY insieme alla Stuttgarter Kammerorchester ha infatti ottenuto critiche assai favorevoli e diversi riconoscimenti a livello internazionale da parte della stampa specializzata. Una bella interpretazione, scorrevole nel fraseggio e ricca di eleganza, perfettamente suonata dall’ orchestra con timbri morbidi e luminosi soprattutto nella sezione dei fiati e che ha concluso al meglio un concerto assai interessante. Grande successo da parte di un pubblico, in una Staatsoper esaurita con diverse settimane di anticipo. L’ anno nuovo a Stuttgart è iniziato in maniera decisamente positiva dal punti di vista musicale.

Annunci

Un pensiero su “Neujahrskonzert 2017 della Staatsorchester Stuttgart

  1. Interesting program,very different from the usual New Year concerts that I know.
    ¿Where could I find a recording of it?
    I haven’t heard of those composers, but form your comments they seem to be commendable.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...