Werther – Neil Shicoff e Teresa Berganza

Questa bella esecuzione del Werther di Jules Massenet fu ripresa nell’ estate del 1979 al Festival International d’ Art Lyrique d’ Aix-en-Provence. Interprete del ruolo del protagonista è il tenore statunitense Neil Shicoff, in una delle sue prime esibizioni europee. Nativo di Brooklyn e oggi sessantaseienne, Schicoff si è formato come cantore di sinagoga secondo una tradizione di cantanti lirici americani di origine ebraica che ha avuto in Jan Peerce, Richard Tucker e Leonard Warren i rappresentanti più illustri. Cantante colto, intelligente e tecnicamente preparato, ha colto i suoi maggiori successi come interprete di personaggi psicologicamente tormentati quali appunto Werther, Don Carlo ed Eleazar. Io lo ascoltai per la prima volta dal vivo come Hoffmann a Firenze, circa un anno e mezzo dopo questa recita, e ricordo che restai impressionato dalla proiezione della voce e dallo squillo di acuti emessi in maniera impeccabile oltre che dalla classe interpretativa. Questo video del Werther documenta una raffigurazione tra le più interessanti nella storia interpretativa del ruolo, per la varietà e finezza di fraseggio che il tenore americano è in grado di sfoggiare. Al suo fianco era una Charlotte di altissimo livello come Teresa Berganza, qui in una delle sue interpretazioni a mio avviso più riuscite.

CAST

Werther: Neil Shicoff
Charlotte: Teresa Berganza
Sophie: Christine Barbaux
Le bailli: Jules Bastin
Albert: Jean-Marie Frémeau
direttore: Jean-Claude Casadesus
Festival International d’ Art Lyrique d’ Aix-en-Provence, 1979

Annunci

2 pensieri su “Werther – Neil Shicoff e Teresa Berganza

  1. Magnifica edizione, caro Mozart,agli antipodi di dei muggiti di Kaufmann.Avesse continuato cosi’ Shicoff,peccato poi la comparsa di limiti nell’emissione, con attacchi strani ( con acciaccature, dicono). I suoi Eleazar e Hoffmann sono indimenticabili. Trovo invece la Berganza un po’ fuori ruolo, ma forse sono ancora influenzato dall’ascolto della Charlotte della Obratzova…

    • A me Shicoff è sempre piaciuto molto nei ruoli in cui l’ ho sentito in teatro: oltre a Hoffmann lo ascoltai nel 1981 a Londra come Macduff con Muti, poi nel 1992 alla Fenice come Alfredo, quindi Cavaradossi nel 1997 alla Scala e infine Eleazar a Vienna, nel 2005. Werther era un ruolo che gli veniva molto bene, peccato che abbia smesso di cantarlo agli inizi degli anni Novanta dopo il divorzio dalla prima moglie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...