Interpretare il Lied – “Von ewiger Liebe” op. 43 N° 1 di Johannes Brahms

Il nostro post mensile sull’ interpretazione liederistica è dedicato questa volta a un brano di Johannes Brahms. Si tratta di “Von ewiger Liebe” op. 43 N° 1, dalla raccolta Vier Gesänge für eine Stingstimme mit Begleitung des Pianoforte componirt von Johannes Brahms , scritta tra il 1857 e il 1864 e pubblicata per la prima volta nel 1868. Il testo di August Heinrich Hoffmann von Fallersleben (1798 – 1874), spesso erroneamente attribuito a Josef Wenzig, ha come fonte una canzone popolare in lingua serbo-lusaziana, linguaggio appartenente al ceppo delle lingue sorabe o serbšćina, idiomi slavi occidentali parlati in Germania  nella regione della Lusazia, oggi divisa tra Sachsen e Brandenburg.

Come scrive il musicologo Kelly Dean Hansen della University of Colorado, nel suo sito web dedicato all’ analisi di tutta l’ opera brahmsiana, a proposito dell’ op. 43

This is a very special and unusual song set.  Starting with Op. 46, Brahms published 21 songs in four consecutive opus groupings (through Op. 49).  Such “sets of sets” became the norm thereafter.  Op. 43, standing alone and surrounded by choral works, serves as a kind of “prelude” to Opp. 46-49.  Its grouping and publication are rather noteworthy.  The first two songs are sublime masterpieces, among the best of the entire song output.  Their curious pairing with the other two, which are of lesser quality and were written somewhat earlier, was the result of the publisher Rieter-Biedermann desperately wanting to claim them after hearing the response to a performance.  Brahms must have realized how great these two songs were, and he indicated to Rieter-Biedermann that he was probably going to group them with some others he was working on (presumably somewhere in Opp. 46-49).  “Die Mainacht” would have fit well in Op. 46, where the poet Hölty is represented twice, for example.  But not wanting to disappoint a publisher who particularly wanted these two songs and did not want to wait, he acquiesced.  His comments indicated that the two earlier songs (Nos. 3 and 4) were included so that a set could be made, but grumbled mildly that “the poets were thrown in disorder.”  The set still works well as a unit, the long No. 4 balancing the two masterpieces.  No. 3 is simply a solo arrangement of the first of the male choruses, Op. 41.  The choral version is more effective.  It is an “old German” song set in an appropriately archaic style, and is very similar to Op. 48, No. 6 (which also exists in a choral version).  “Von ewiger Liebe,” No. 1, is dramatic, intense, and extremely satisfying, while “Die Mainacht,” No. 2, is gorgeously lyrical.  No. 4 is probably the weakest.  It is one of Brahms’s few settings of a genuine ballad text, but in comparison to “Von ewiger Liebe,” its rather strained drama is much less convincing.

Ecco il testo poetico

VON EWIGER LIEBE

Dunkel, wie dunkel in Wald und in Feld!
Abend schon ist es, nun schweiget die Welt.
Nirgend noch Licht und nirgend noch Rauch
Ja, und die Lerche, sie schweiget nun auch.

Kommt aus dem Dorfe der Bursche heraus,
Gibt das Geleit der Geliebten nach Haus,
Führt sie am Weidengebüsche vorbei,
Redet so viel und so mancherlei:

“Leidest du Schmach und betrübest du dich,
Leidest du Schmach von andern um mich,
Werde die Liebe getrennt so geschwind,
Schnell wie wir früher vereiniget sind,
Scheide mit Regen und scheide mit Wind,
Schnell wie wir früher vereiniget sind”.

Spricht das Mägdelein, Mägdelein spricht:
“Unsere Liebe, sie trennet sich nicht!
Fest ist der Stahl und das Eisen gar sehr,
Unsere Liebe ist fester noch mehr.

Eisen und Stahl, man schmiedet sie um,
Unsere Liebe, wer wandelt sie um?
Eisen und Stahl, sie können zergehn,
Unsere Liebe muss ewig bestehn!”.

Qui di seguito, la traduzione italiana di Olimpio Cescatti

DELL’ ETERNO AMORE

Buio, qual buio nel bosco e nel prato!
È già sera, il mondo ora tace.
Non una luce, non del fumo,
sì, ora persino l’allodola tace.

Esce il giovane dal villaggio
accompagna a casa l’amata,
la guida oltre il saliceto,
parla tanto, e dice così:

“Se ti vergogni e ti turbi,
se ti vergogni degli altri per me,
il nostro amore finisca presto
così come prima ci ha unito,
si rompa con pioggia e con vento
presto così come prima ci ha unito”.

La fanciulla dice, dice la fanciulla:
“Il nostro amore non finisce!
Ben saldo è l’ acciaio, saldo il ferro,
ancor più saldo è il nostro amore.

Si forgiano ferro e acciaio,
ma il nostro amore chi lo muta?
Ferro e acciaio possono liquefarsi,
il nostro amore resisterà in eterno!”

Musicalmente, si tratta di un Lied scritto in forma Durchkomponiert, diviso in tre sezioni, nelle quali si riscontrano anche  elementi strofici.

Per il contributo critico, ho scelto un estratto da un saggio di Heather Platt, Professor of Music History and Musicology alla Ball University nell’ Indiana, specialista di analisi schenkeriana che ha scritto pagine importantissime nella letteratura critica brahmsiana degli ultimi decenni.

“Von ewiger Liebe” (op. 43, no. 1)
“Von ewiger Liebe” is among the most loved, and best known, of Brahms’ s songs. His contemporaries and early biographers, including Hermann Deiters, praised it for its depth of expression,30 and Brahms himself suggested to Deiters that it was one of the songs “of which he thought most highly,,.  Although “Von ewiger Liebe” was composed some twenty years before “Vorschneller Schwur,” the two songs have many structural features in common. In addition to the delayed Kopfton, the final stanzas of both songs are characterized by a change in mode, from minor to major, and a relaxation of the rhythmic tensions of the preceding stanzas. Moreover, both songs have a number of characters, who are distinguished by melodic and accompanimental figures. The texts of the two songs are also somewhat similar. In “Vorschneller Schwur” the first stanza is spoken by a narrator, and the second by the girl, who is the center of the story. “Von ewiger Liebe” also begins with a stanza spoken by a narrator, and it is followed by stanzas for the two characters, a boy and his sweetheart. Whereas the music of “Vorschneller schwur” echoes the folksong characteristics of the text, “Von ewiger Liebe” is an ambitious structure, and its symphonic structure was praised by Wolf.  Nevertheless, as in “Vorschneller schwur”, there are many intricate details that contribute to the text-music synthesis, including a chromatic conflict between A # and A ♮, which is often associated with linear progressions of a fourth or sixth.
In the first stanza, the narrator sets the scene of a couple emerging from a village at dusk. The narrator introduces the boy who questions the couple’ s relationship, but becomes agitated at the thought of separating. His insecurity is conveyed by the hollow dominant chords, in which the thirds are omitted, and by the rising steps that end many of the phrase segments. The narrator reenters at the beginning of the third stanza and introduces the girl who puts aside the boy’ s doubts. For her stanza, Brahms changes to the major mode, changes the meter to a pastoral 6/8, and begins in a slower, more relaxed tempo. This stanza is divided into two sections (mm. 79-98 and 99-121); the second is mostly the same as the first except for the last phrase, which ends on the tonic rather than the dominant. Each of the stanzas has a successively higher melodic range. The melody of the first stanza moves around A4, while that of the second moves around D5. At the beginning of the third stanza the narrator, with his lower register, introduces the girl. Her song begins on F#4 and, unlike the boy’s descending lines, her phrases blossom out, getting higher and higher until reaching F # 5. This overwhelming climax beautifully captures the importance of the girl’ s promise of eternal love, and it is his note that I read as the Kopfton.
Brahms evokes the dark foreboding night, described in the first stanza, through a minor key, low registers, and a syncopated bass. The melody of the first four measures is placed in the bass of the prelude, and it contains many of the ideas that recur throughout the song, including the motive G, E, F# (m. 4) and the descent D to F# (mm. 3- 4). The descending sixth influences much of the melodic motion on the surface as well as the middleground of all three stanzas. As shown in Example 5, the descending sixth composes out two voices. The bottom line moves from B2 down to F#2, which is ornamented by E2. This motive resembles the descending bass lines frequently used in laments, and perhaps here it alludes to the questioning mood of the boy. The top line descends in parallel thirds from D3 to A#2 (which, in the foreground, is displaced by an octave). Despite the A # conclusion, the preceding C # is supported by an A ♮’ . This conflict between the flattened and raised seventh permeates the entire song.

(…)

I consider these Brahms songs to be mini-dramas in which Brahms sympathetically portrays the psychological plight of the protagonists. Although few writers have discussed this aspect of his songs, Elisabeth Schumann remarks: “It is astonishing, [that] in all [ot] these songs a firm grasp of classical style goes hand in hand with the most finely drawn characterization and psychological insight. She concludes by citing a number of songs, including ”Von ewiger Liebe”, that exemplify this remarkable feature. As in “Vorschneller Schwur” this song culminates in an event that will profoundly change the protagonists’ lives. While at the surface level these turning points are conveyed by changes in mode, phrase structure, as well as rhythmic and melodic patterns, at a deeper level, they are reflected by the change in the direction of the structural line, from a gradual ascending arpeggiation to a descent. In this way the contour of the deep middleground offers a graphic representation of the text’ s dramatic turning point.

(Heather Platt, Dramatic Turning Points in Brahms Lieder, Indiana Theory Review, Vol. 15/1, pp. 84-87 e pag. 102)

Si tratta di uno dei capolavori assoluti della liederistica di Brahms, di una bellezza assoluta e coinvolgente per la perfezione della struttura e la qualità dell’ invenzione melodica. Un brano amatissimo dai cantanti, come testimoniato dal gran numero di incisioni discografiche, il cui livello medio è decisamente molto elevato, cosa che ha reso la scelta degli ascolti abbastanza difficile. Ad ogni modo, su una cinquantina di versioni da me ascoltate, ho deciso di proporre  le cinque che seguono, tutte per molti aspetti significative sotto il profilo delle scelte di interpretazione.

La prima versione che ho scelto è quella di Elene Gerhardt (1883 – 1961), un’ autentica leggenda dell’ interpretazione liederistica. Nativa di Connewitz, nei pressi di Leipzig, la Gerhardt fu sostenuta durante gli studi e i primi anni di carriera dal celebre direttore d’ orchestra Arthur Nikisch, a cui fu legata da una grande amicizia personale. Con l’ avvento del regime nazista nel 1934, fu costretta a trasferisrsi in Inghilterra dopo l’ arresto del marito, Fritz Kohl, direttore della Mitteldeutschen Rundfunk, il quale potè raggiungerla dopo essere stato rilasciato alcuni mesi dopo. Durante la guerra, la Gerhardt prese parte ai leggendari Mid-day Concerts organizzati da Myra Hess alla National Gallery e nei suoi anni londinesi iniziò un’ intensa attività didattica alla Guildhall School of Music, sulla quale si concentrò ulteriormente dopo la morte del marito, avvenuta nel 1947.

La Gerhardt ci ha lasciato una discografia abbastanza nutrita. Purtroppo, non sono disponibili online le fantastiche incisioni acustiche realizzate tra il 1915 e il 1918 con l’ accompagnamento pianistico di Arthur Nikisch in persona. Quella che vi propongo è una delle prime incisioni realizzate con il procedimento elettrico, nel 1925 per la HMV.

Elena Gerhardt fu il modello di riferimento per tutta una generazione di cantanti che si dedicarono alla liederistica. In queste incisioni degli Anni Venti e in quelle succesive, la voce sembra avere perduto un po’ in qualità nell’ ottava superiore, ma il fraseggio è sempre quello dell’ artista di classe superiore, un vero e proprio paradigma di personalità e intensità espressiva.

Il secondo ascolto è dedicato ad Elisabeth Schwarzkopf (1915 – 2006) in una registrazione del 1954 con il leggendario pianista Edwin Fischer, uno dei massimi concertisti della storia, le cui interpretazioni beethoveniane, schubertiane e brahmsiane costituiscono ancora oggi punti di riferimento imprescindibili.

Esecuzione di grande bellezza, senza dubbio. La Schwarzkopf, sostenuta dal magnifico accompagnamento pianistico di Fischer, si dimostra ispirata come poche altre volte e la sottolineatura espressiva delle frasi è ottima.

A seguire, fa il suo ingresso nella nostra galleria di ascolti Dietrich Fischer-Dieskau (1925 – 2012). Il baritono berlinese è qui ripreso in una registrazione del 1954 con il pianista Hermann Reutter.

La voce di Fischer-Dieskau in questa incisione è ancora in condizioni di relativa freschezza, senza quelle durezze nel settore acuto che si sarebbero fatte sempre più evidenti nel prosieguo della carriera. L’ interprete è sempre attentissimo a dar rilievo alla parola, il tono è sempre scrupoloso e meditato . Pure, la sezione iniziale suona un po’ troppo greve a mio avviso, mentre il tono passionale delle strofe centrali è reso molto bene.

Lisa Della Casa (1919 – 2012) è sempre stata una delle mie liederiste predilette, per la perfezione vocale e il tono fresco, ispirato e spontaneo che contraddistinguono le sue interpretazioni. Anche in questa incisione del 1957 con il pianista Karl Hudez la cantante svizzera ci fa ascoltare la sua classe assoluta da liederista di rango.

La Della Casa sceglie un tono sommesso e tinte sfumate e sfodera una perfezione vocale, una dizione scolpita e raffinata, un fraseggio intenso e concentrato che fanno della sua esecuzione un modello assoluto. Potrebbe essere questa la versione migliore, ma secondo me l’ interpretazione di Christa Ludwig (1924) in questo video tratto da un concerto tenuto a Tel Aviv nel 1973 con Leonard Bernstein al pianoforte, la supera.

Una serata di livello storico nella quale la Ludwig, letteralmente galvanizzata dallo straordinario sostegno di un Bernstein all’ apice delle sua capacità, ci fa ascoltare una versione ispirata, bruciante, di una passionalità quasi insostenibile. Soprattutto la sezione centrale, preparata splendidamente da un crescendo fantastico per intensità, è straordinaria e contribuisce a rendere questa versione assolutamente esemplare.

Chiudiamo qui, dandovi appuntamento alle prossime puntate di questa rubrica.

Annunci

6 pensieri su “Interpretare il Lied – “Von ewiger Liebe” op. 43 N° 1 di Johannes Brahms

  1. Carissimo, tanti auguri per il nuovo anno e grazie per la solita splendida galleria di ascolti. In questo lied la mia preferita è sicuramente la Della Casa. Grandissima cantante e bellissima donna (che non guasta mai…).

  2. PS: fra le varie interpretazioni di questo lied, sul tubo si trova anche quella della tua cantante preferita: Anja Harteros. Chissà come mai non l’hai inserita nella tua serie di ascolti…eheheheh 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...