Interpretare il Lied – “Anakreons Grab” di Hugo Wolf

Eccoci al nostro consueto appuntamento mensile con l’ interpretazione liederistica. In questo post ci occupiamo per la prima volta della musica vocale di Hugo Wolf (1860 – 1903) con un Lied su testo di Goethe. si tratta di Anakreons Grab, ventinovesimo dei cinquantuno Lieder su testi di Goethe, composti nel 1888 e pubblicati l’ anno successivo. Uno dei brani più conosciuti della produzione liederistica di Wolf, fin dal suo apparire prediletto dal pubblico e dagli interpreti.
Nella storia della letteratura liederistica, la produzione di Hugo Wolf si impone per la sua bruciante verità espressiva, derivata da una scrupolosa meditazione di tutte le atmosfere drammatiche dei testi. I Lieder del compositore austro-sloveno sono spesso autentici bozzetti teatrali e i caratteri tratteggiati dalla flessibilità della declamazione vocale richiedono interpreti dotati di grandi capacità analitiche nel fraseggio e attenzione nella sottolineatura dei particolari.
Ecco il testo della poesia goethiana musicata da Wolf.

Wo die Rose hier blüht,
wo Reben um Lorbeer sich schlingen,
Wo das Turtelchen lockt,
wo sich das Grillchen ergötzt,
Welch ein Grab ist hier,
das alle Götter mit Leben
Schön bepflanzt und geziert?
Es ist Anakreons Ruh.
Frühling, Sommer, und Herbst
genoß der glückliche Dichter;
Vor dem Winter hat ihn endlich
der Hügel geschützt.

La traduzione italiana, a cura di Vittorio Fellegara

Qui dove la rosa fiorisce,
ove viti e lauri s’intrecciano,
dove mormora la tortorella
e il grillo si diletta,
qual tomba è questa,
che gli dei tutti con cura
hanno piantato e ornato di vita?
È il riposo d’ Anacreonte.
Primavera, estate e autunno
godette il felice poeta;
dall’ inverno l’ ha infine
posto al riparo la collina.

Per la letteratura critica, ci rivolgiamo come sempre alla musicologia anglosassone. Come primo contributo, ecco questa breve analisi di Erik Erikson, scrittore statunitense, autore di programmi radiofonici e critico musicale del Metropolitan Newspapers.

Unlike Schubert, who often set mediocre poetry to glorious music, Hugo Wolf could respond only to poetry of the finest quality. Some of it was from the pen of writers of less than front-ranking celebrity, but all of it was fine enough to catch the composer’s fancy. When presenting his songs in recital, Wolf usually read the texts aloud to the audience before the performance of each song. Although not every Wolf song was a masterpiece (Wolf sometimes overreached himself, or failed to receive sufficient inspiration from his muse), the best (that is, the majority of them) achieve perfection because of, not in spite of, their faithfulness to their texts. The magical Anakreons Grab (Anakreon’s Grave) sets a poem by a great writer whose reputation was established. Although Goethe himself lacked sound musical judgment, his verse inspired the finest composers. Others, however, could not match Wolf in forming a psychological bond with the poems. In Anakreons Grab, there is proof. In 21 measures and three minute’s time, the antiquity is seen with the sensibilities of the present day. So tender, so devotional is this paean to Anakreon, poet of the Greeks, so evocative of nature’s entwining herself in sweet adoration around the dead writer’s grave, that the composer gave explicit instructions to the performers, especially the singer. Sehr Langsam und Ruhig (very slowly and softly) is the notation for the pianist’s solo opening, beginning “piano” and growing softer, swelling ever so slightly, then diminishing to a still softer tone, all within the first two measures. The syncopations between the right and left hand must not seem rhythmic, but quietly various, like the falling of dew drops from the flowers the singer will soon describe. The singer, quietly (the marking here instructs Zart [tenderly]), tells the listener that here — where the rose blooms, the vine entwines itself around the laurel, the turtledove coos, and the cricket takes pleasure — rests Anakreon. He enjoyed spring, summer, and autumn and now the tomb protects him from winter. The voice rises to nothing more than a mezzo forte for the song’s duration, while the pianist must play with the utmost attention, assuring that all the exquisite harmonies clearly sound at a very subdued dynamic level. There are brief, precisely indicated rests for the singer amidst flowing legato phrases, especially when describing the poet’s resting place: the singer informs the listener “Es ist” (rest) Anakreon’ s Ruh.” (It is [rest] Anakreon’s grave.) Wolf infuses an unmistakable sense of quiet reverence. Likewise, at the end, the singer observes “from winter” (rest) “finally, the grave (rest) protected him.” The singer and pianist — who respect Wolf’ s beautifully detailed notation, his quietly lofting melodies so well integrated with searching harmonies, and beyond that, the fragrant aura that suffuses this vignette — can make of it a thing of purest enchantment.

Di seguito, questo abstract di una relazione tenuta da Marjorie Hirsch, Professor al William College Department of Music di Williamstown nel Massachussets e autrice di numerose pubblicazioni dedicate alla liederistica, al congresso annuale della American Musicological Society, nel 2006.
REANIMATING ANTIQUITY: WOLF, GOETHE, AND “ANAKREONS GRAB”
Marjorie Hirsch
Williams College
Hugo Wolf ’s “Anakreons Grab,” one of the few late nineteenth-century Lieder on classical subjects, reflects the ambivalence of German philhellenism in the post-Romantic era. The song is the product of a complex dialectic between past and present infusing both text and music. As the protagonist contemplates the strange juxtaposition of the ancient Greek poet’ s tomb and the vibrant natural life surrounding it, the listener confronts the song’ s similarly odd joining of pre- and post-Wagnerian compositional idioms. This paper offers new insight into the song and its cultural heritage by linking Goethe’s poem to several ancient models and probing the music’s intriguing stylistic duality.
Written in 1785, Goethe’s epigram engages the past on multiple levels. Outwardly, it casts a backward glance at Anacreon of Teos (c. 572 – 490 B.C.), renowned for his light-hearted lyric verse celebrating beauty, love, wine, and song. But the poem also more subtly reflects upon Anacreon’ s ancient and modern literary imitators, including Goethe himself in earlier years. In addition, it represents a recasting of ancient epigrams included in the Greek Anthology, a massive poetry collection that captivated Goethe’ s Weimar circle in the early 1780s and inspired his first efforts to compose in ancient poetic forms. Goethe apparently modeled “Anakreons Grab” after three similarly titled poems in Johann Gottfried Herder’ s Blumen, aus der Griechischen Anthologie gesammlet (German translations of the Greek originals), whose manuscript he received from Herder in late 1784. Goethe borrowed the ancient poems’ epigrammatic conceit, structure, and imagery, but recast the material in accordance with contemporary modes of thought. His poetic meditation on death evokes the elegiac inscription Et in Arcadia ego, which intrigued eighteenth-century writers.
Wolf ’ s setting adds new levels of retrospection and self-assessment. Composed in late 1888 just one week after Wolf immersed himself in Goethe’ s poetry, the work pays homage to the Weimar bard and his idealized conception of antiquity as much as to Anacreon. But homage does not imply acceptance; Wolf, enamoured of Nietzsche’ s distinction between Apollinian and Dionysian aspects of ancient Greek art, maintained a “critical distance” (Amanda Glauert) from Goethe’ s classical vision, as suggested by stylistic inconsistencies in the musical setting. As Christopher Hatch has discussed, the music evokes tropes and compositional practices from the eighteenth and early nineteenth centuries (i.e., the Age of Goethe), making the song more accessible than many Wolf Lieder. What Hatch and others have not addressed is the music’ s conflation of these style traits with others from the late nineteenth century.

Recognizing the song’s multi-layered dialectic between past and present is critical to its interpretation as a late Romantic critique of German philhellenism, engaging ideas of artistic creation, annihilation, and immortality

(Abstract da
“American Musicological Society/
Society for Music Theory Annual Meeting”,
Los Angeles, November 2-5 2006, pp.181-82)
Come interprete del primo ascolto di questo post, ho scelto Elisabeth Schwarzkopf (1915 – 2006) in un’ esecuzione tratta dalla leggendaria serata salisburghese del 12 agosto 1953, con Wilhelm Furtwängler come eccezionale accompagnatore pianistico.
È una interpretazione di quelle che hanno fatto la storia, senza ombra di dubbio. Il tono autenticamente ispirato della cantante di Kesselberg, sostenuta a meraviglia dal favoloso accompagnamento pianistico di Furtwängler con cui la sintonia musicale è assoluta, si impone per la profondità dello scavo espressivo e l’ assoluta perfezione del fraseggio. Senza alcun dubbio, si tratta di uno dei massimi esiti esecutivi del lascito discografico della Schwarzkopf.
Secondo interprete della nostra serie di ascolti è Rudolf Schock  (1915 – 1986), coetaneo della Schwarzkopf e spesso suo partner sulla scena e in disco. Il tenore di Duisburg è qui ripreso in una registrazione del 1959, con Adolf Stauch al pianoforte.
Schock è un fraseggiatore di livello non inferiore a quello della Schwarzkopf, e il suo tono commosso si impone per autenticità e naturalezza di articolazione, oltre che per la bellezza dei colori vocali e la perfetta sottolineatura di certe frasi. Anche in questo caso, una lettura assolutamente esemplare nella sua perfetta cura dei minimi dettagli.
Ed ecco la versione di Hans Hotter (1909 – 2003) il Bassbariton di Offenbach passato alla storia come il più grande Wotan del dopoguerra. Oltre che interprete wagneriano di riferimento assoluto, Hotter fu liederista di altissimo livello, come testimoniano le sue incisioni della schubertiana Winterreise, considerate dagli appassionati tra le migliori della discografia. Ascoltiamo Hotter in questa versione incisa insieme a Gerald Moore nel 1959, originalmente pubblicata dalla EMI e ristampata qualche anno fa dalla Testament.
Magnifica è la capacità di Hotter di dominare perfettamente la dinamica e di piegare la voce a sfumature sottilissime, una cosa assai difficile per una voce di tale densità e consistenza.  Il tono cupo e introverso dell’ interpretazione si adatta perfettamente al carattere meditativo della pagina. Splendida, davvero di livello non inferiore a quello del grande Furtwängler, l’ esecuzione pianistica di Gerald Moore.
Come quarto e ultimo ascolto, ho scelto questa bella versione di Régine Crespin (1927 – 2007) proveniente da un recital radiofonico tenuto a New York nel 1967, con l’ accompagnamento pianistico di John Wustman.
Ho sempre amato moltissimo le interpretazioni cameristiche della cantante marsigliese, che ci ha lasciato versioni assolutamente esemplari del repertorio francese e anche nella liederistica tedesca è fraseggiatrice personalissima, attenta alle sfumature e interprete di alto livello per compostezza stilistica e capacità di dare rilievo alla parola. Anche in questo caso, la Crespin si impone alla nostra attenzione per il fraseggio elegante e i preziosismi coloristici.
Come spesso mi è accaduto di notare in questa serie di post, è molto difficile fare una classifica tra interpretazioni di questo livello e la preferenza è questione di gusti personali. Chiudiamo qui, dandovi appuntamento alla prossima puntata del ciclo.
Advertisements

10 pensieri su “Interpretare il Lied – “Anakreons Grab” di Hugo Wolf

  1. Giusto ricordare Hotter, non solo storico Wotan e storico Olandese, ma anche grandissimo liederista, interprete e musicista straordinario!

      • macché voce troppo scura, la Winterraise di Hotter é straordinaria, sia la versione con Raucheisen che quella con Moore; certi critici confondono il lied con la canzonetta 🙂 Stupendo Schock, ma anche la Schwarzkopf che devo dire, se fatico ad ascoltarla in altro repertorio, nel lied vince sempre le mie riserve.

      • Assolutamente d’ accordo sulla Schwarzkopf, stupenda soprattutto in Wolf e Strauss più che in Schubert, dove a volte suona, almeno per i miei gusti, un filo manierata

  2. Penso che l’interpretazione della Schwarzkopf sia la piu’ suggestivamente aderente ai versi : basti soffermarsi su “Es ist Anakreons Ruh”.
    Grandissimi Moore e Furtwangler,invece mi sembra un po’ troppo veloce l’interpretazione di Hotter, rischia di perdere molte sfumature del testo( ma che colore la sua voce !)
    Ma anche Schock che fraseggio !

    • Schock era un grandissimo ed era anche un artista molto popolare, grazie alle sue apparizioni televisive e ai numerosi film interpretati, che ancora oggi vengono riproposti dalle tv tedesche. Anche i giovani qui sanno chi era. Questo per dire che i cantanti divenuti fenomeni mediatici non sono un’ invenzione di oggi, come qualcuno vuol far credere…

  3. Dovevo proprio venire qua per tentare di rifarmi le orecchie dopo lo strazio di ieri sera. Ti sono grato in particolare per avermi fatto scoprire del tutto un grande come Schock, di cui conoscevo più che altro il nome. Davvero un grandissimo !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...