James Levine torna a dirigere

Dopo un’ assenza di due anni dovuta a gravi problemi di salute, James Levine ritorna in questi giorni all’ attività musicale per dirigere un concerto alla Carnegie Hall, sul podio dell’ Orchestra del Metropolitan, della quale il Maestro è direttore musicale dal 1971. In programma, il Preludio dal Lohengrin, il Quarto Concerto op. 58 di Beethoven con Evgeny Kissin come solista, e la Sinfonia in do maggiore di Schubert.  Levine aveva annunciato il suo ritorno alcuni mesi fa, in questa intervista rilasciata al New York Times. Accogliamo col massimo piacere la notizia del ritorno all’ attività di uno dei più importanti direttori d’ orchestra del nostro tempo. Levine rappresenta uno degli ultimi esempi di quella categoria di autentici uomini di teatro, fedeli servitori della musica e del palcoscenico, di cui oggi si è praticamente perso lo stampo. A partire dal suo esordio al Met, avvenuto nel 1971 con Tosca, ha diretto più di 2500 rappresentazioni nel teatro newyorkese. Pensando al caotico vertice di impegni ai quattro angoli del mondo che caratterizza la carriera dei direttori odierni una figura di autentico direttore stabile come Jimmy Levine, che si è sempre occupato integralmente della vita del teatro fin nei minimi dettagli organizzativi, rappresenta un esempio da rispettare profondamente, al di là degli esiti interpretativi ottenuti che, in ogni caso, sono sempre stati di livello medio elevato in tutto il vastissimo repertorio da lui affrontato nel corso di quattro decenni al Met.

Come omaggio al ritorno del Maestro, propongo questo video di Prodaná nevěsta (La Sposa venduta), il capolavoro operistico di Bedřich Smetana. Si tratta di una fortunata produzione del 1978, che ebbe in quella stagione diciotto repliche e fu ripresa da Levine nel 1996. In scena un cast davvero stellare, con la presenza di due tenori di livello storico come Jon Vickers e Nicolai Gedda e del grandissimo basso finlandese Martti Talvela. Marenka è interpretata da Teresa Stratas, che fu la protagonista della versione cinematografica di Traviata per la regia di Franco Zeffirelli, sempre sotto la direzione di Jimmy Levine. Come accadeva spesso al Met per i titoli del repertorio slavo, l’ opera è eseguita in traduzione inglese.

 

Metropolitan Opera House
November 21, 1978 Broadcast / Telecast
In English

THE BARTERED BRIDE {65}
Smetana-Sabina

Marenka.................Teresa Stratas
Jeník...................Nicolai Gedda
Vasek...................Jon Vickers
Kecal...................Martti Talvela
Ludmila.................Elizabeth Coss
Krusina.................Derek Hammond-Stroud
Háta....................Jean Kraft
Tobias..................John Cheek
Circus Barker...........Alan Crofoot
Esmeralda...............Colette Boky
Red Indian..............Andrij Dobriansky

Conductor...............James Levine

Production..............John Dexter
Set designer............Josef Svoboda
Costume designer........Jan Skalicky
Lighting designer.......Gil Wechsler
Choreographer...........Pavel Smok
TV Director.............Kirk Browning

Annunci

2 pensieri su “James Levine torna a dirigere

  1. A differenza dei tanti “battisolfa” di cellettiana memoria, Levine veniva da una scuola prestigiosa,la Julliard,ed era stato assistente di Szell.Bellissima questa Sposa Venduta, invece Levine mi piace meno ad ex nel famoso Flauto Magico di Salisburgo o in certo Puccini.

    • Come tutti i direttori dotati di un repertorio molto vasto, escluso forse Karajan, non eccelle in tutto. In Verdi e anche in Wagner ha scritto pagine importanti nella storia dell’ interpretazione.

I commenti sono chiusi.