Schubert – Quartetto “Der Tod und das Mädchen”

Una delle composizioni che io amo di più in assoluto, e non solo per quanto riguarda la musica da camera, è il Quartetto “Der Tod und das Mädchen” di Schubert.

Il Quartetto per archi n. 14 in Re minore deve il nome alla presenza nel secondo movimento del celebre tema del Lied omonimo scritto da Schubert nel 1817 su un testo di Mathias Claudius. La prima esecuzione ebbe luogo il 1° febbraio 1826 nell’ indifferenza generale, tanto che la partitura fu data alle stampe postuma, solo dopo il 1829. La prima esecuzione pubblica del lavoro ebbe luogo a Berlino nel 1833. Ai nostri giorni la straordinaria qualità musicale e l’ altissimo livello dell’ invenzione melodica profusi da Schubert in questo lavoro ne fanno una delle pagine più amate dai melomani, oltre che un pezzo d’ obbligo nel repertorio dei complessi cameristici.

Il movimento iniziale è un Allegro in re minore, un tempo in forma sonata molto sviluppato nelle dimensioni, caratteristica questa di molte altre composizioni scritte da Schubert negli ultimi anni della sua vita. Pensiamo ad esempio alla Sinfonia in do maggiore, al Quintetto D. 956, al Quartetto in sol maggiore op. 161 oppure alle ultime tre Sonate per pianoforte. Il secondo movimento, Andante con moto in sol minore (sottodominante della tonalità d’ impianto), riprende appunto il tema dell’ omonimo Lied, sottoponendolo a cinque variazioni. In questi due primi movimenti, l’ atmosfera prevalente è quella di una forte tensione drammatica. Si ritorna al re minore per gli ultimi due tempi. Il terzo movimento è uno Scherzo, imperniato su un tema di otto battute esposto dai quattro archi all’ unisono.  Il Finale, ancora in re minore, è un Presto, formalmente un Rondò agitato in cui ricorre un tema di Tarantella oltre a percebili echi di melodie tzigane.
L’ esecuzione che ho scelto è quella dell’ Hagen-Quartett, complesso prestigioso e che non ha bisogno di presentazioni. Si tratta di una ripresa effettuata nella Stiftsbibliothek di Vorau durante il festival Styriarte del 1987. Il Quartetto Hagen compare qui ancora nella sua formazione originale, con Annette Bik che dal 1987 è stata sostituita da Rainer Schmidt, al leggio di secondo violino.

 

 

Franz Schubert

Streichquartett N° 14, d-moll,  op.post, D. 810 “Der Tod und das Mädchen”

Allegro

Andante

Scherzo

Presto

Hagen Quartett

Lukas Hagen – Annette Bik, Violine

Veronika Hagen, Viola

Clemens Hagen, Violoncello

Annunci

2 pensieri su “Schubert – Quartetto “Der Tod und das Mädchen”

I commenti sono chiusi.