Auguri!

Il mio messaggio augurale di Capodanno.

Auguro che nel 2011 i sovrintendenti e i direttori artistici ignoranti e incompetenti vengano spediti a casa; che vengano firmati molti contratti lavorativi; che la cloaca della critica patinata e “acritica” che ingoia e fa ingoiare tutto non venda più; mi auguro il crepuscolo delle pseudoregie per onanisti; mi auguro cantanti che non torturino le orecchie ; un pubblico finalmente reattivo; la fine dell’ignoranza e delle riscritture storiche; il piacere di ascoltare cose belle…

Auguri a tutti!

E riascoltiamoci la Marcia di Radetzky, alla faccia di Sandro Cappelletto e di quelli che la pensano come lui!

 

 

Annunci

2 pensieri su “Auguri!

  1. Grazie e auguri anche a te, Gianguido.
    Noi milanesi con Radetzky abbaimo qualche buon motivo di risentimento, me non con lo Strauss )padre?) che gli ha scritto la marcia.
    Per me la Marcia Radetzky o la Racoczy fa lo stesso, purché sia buona musica.
    Cereto i isignorotti ancora imbottiti dei bagordi di San Silvestro presenti al Musikverein quest'anno non avranno capito la differenza tra Karajan e Welser-Most, per cui i tuoi auspici sono quanto mai attuali.
    Gabriele.

I commenti sono chiusi.