Chiudiamo i teatri e andiamo tutti al Grande Fratello

Da "Europa",il commento piú intelligente da me finora letto sui deliri baricchiani.

Cara Europa, leggo la notizia delle dimissioni di Salvatore Settis da presidente del consiglio superiore dei beni culturali, logica conclusione dell’incompetenza e della prepotenza gerarchica del ministro ; e leggo la meno logica, inattesa, e dolorosa proposta di un intellettuale molto rispettato, Alessandro Baricco, che giudica tutta la nostra cultura “istituzionale” (teatro, opera, danza, gallerie, ecc.) inadatta a culturizzare (si dice così fra lor signori?) gli italiani di oggi. E propone che le sovvenzioni dello stato a quelle istituzioni siano devolute a scuola e tv, luoghi deputati alla “culturizzazione” di massa. A me, con tutto il rispetto per Baricco, sembra un’idiozia. (Giovanni Badini, Torino)

Caro Badini, idiozia no, diciamo licenza poetica, mariniana voglia di “meravigliare”. Baricco pone un problema reale, educare gli italiani con la cultura (grande obbiettivo dell’educazione liberale, in contrapposizione all’educazione ideologica-dogmatica); ma offre una risposta incredibile, facendo un pasticcio di confusioni. Consideriamone alcune.
1) Baricco confonde la manifestazione della cultura (a teatro, all’opera, al museo) con la diffusione dell’apprendimento: per esempio, l’educazione musicale fin dai banchi di scuola, come rivendicano Muti e Accardo. Dimenticando, sia lo scrittore-regista torinese sia chi parzialmente ne sostiene la provocazione, che l’attuale scuola non è in grado neanche di far apprendere un po’ di storia dell’arte; ed è grasso che cola se si ferma su qualche pagina di Pirandello. Non perché non voglia, ma non ne ha gli strumenti, e cioè preparazione dei professori, autorità verso gli studenti, mezzi finanziari, se non si vuole che tutto si risolva nello sfogliare pagine di libri.
2) Baricco affogherebbe la creatività della comunicazione culturale, che è multiforme e soggettiva nell’opera di autori, attori, registi, che non sono fra loro equivalenti e perciò sono il motore della cultura, nella rigidità dello strumento di diffusione, che è unico (tv pubblica), e come tale autoritario. Legga quel che ne ha scritto ieri su Europa Stefano Balassone, ex amministratore della Rai: “La tv è l’ultimo dei posti in cui andare ad aggiungere soldi, avendo invece bisogno di concorrenza; e la scuola non saprebbe da che parte cominciare per utilizzarli” (per le ragioni che pensiamo d’aver detto).
3) Baricco spara a zero contro i costi dei teatri lirici e di prosa, ma non spreca una parola per distinguere fra la fissa immobilità (fino a un certo punto, peraltro) delle icone del passato, e la creatività, l’innovazione, la sperimentazione dei giovani, diventino o non avanguardie. Perfino Marinetti e i suoi ebbero bisogno di teatri e caffè letterari per le loro serate futuriste, anche se talvolta finivano in piazza a scazzottate.
4) Perché Baricco non sollecita lo Stato a premere sulla tv pubblica affinché spenda le risorse del canone e della pubblicità in cultura anziché in cavolate da Cottolengo? E sollecita invece a tagliare i fondi statali a musica, teatro, danza,cinema, come se il patrio governo già non lo facesse di suo? Lo sa che sono stati chiusi 400 teatri e biblioteche, conservatori, istituti musicali? Ha letto qualcosa di quel che stanno facendo per la cultura Brown, Sarkozy e altri leader di paesi che si muovono nell’equazione cultura=sviluppo=civiltà?
5) Poiché Baricco è torinese, è testimone diretto della condizione dei giornali in Italia: in questi giorni La Stampa si becca i fulmini del cardinale Poletto per aver pubblicato un’intervista al teologo tedesco dissidente Hans Kung. La stessa intervista era stata pubblicata da Le Monde a Parigi, senza che alcun cardinale osasse contestare l’autonomia laica dell’informazione. Se l’immagina Baricco se, col suo metro, togliessimo i finanziamenti pubblici anche all’editoria (oltre che alle istituzioni da lui indicate)? Dovremmo sperare in Mediaset e nella Curia? Tornare alla magnanimità del Principe? (Federico Orlando)

Fonte:www.articolo21.info/8120/notizia/chiudiamo-prosa-musica-danza-musei-poi.html

Annunci